Il Consiglio di amministrazione ha valutato, con riferimento sia ai criteri previsti dal Codice di autodisciplina di Borsa Italiana sia ai criteri richiamati dal Testo unico della finanza, la sussistenza dei requisiti di indipendenza di quattro amministratori:

Relativamente agli amministratori Marco Spadacini e Martina Mondadori il Consiglio di amministrazione ha confermato la valutazione di indipendenza in capo agli stessi pur in carenza di uno dei requisiti previsti dal Codice, ovvero la durata in carica non eccedente i nove anni negli ultimi dodici anni.
La conferma della valutazione dei requisiti di indipendenza in capo ai citati amministratori è motivata dal riconoscimento delle qualità professionali e dell’indipendenza di giudizio dimostrata in relazione all’attività svolta nell’ambito del Consiglio, e relativamente a Marco Spadacini anche nell’ambito dei comitati interni al Consiglio, nonché in considerazione della sussistenza in capo ai medesimi amministratori della totalità degli ulteriori requisiti di indipendenza previsti dal Codice.