La donna alla finestra, di A. J. Finn

 

Con un intreccio sofisticato, A. J. Finn accompagna il lettore in un viaggio psicologico, sgretolando gli equilibri e le certezze della protagonista in un crescendo di colpi di scena. La donna alla finestra (Mondadori) è un racconto sospeso tra realtà e paranoia, degno del miglior Hitchcock.

Trama

Anna Fox vive rinchiusa nella sua casa di New York e la sola idea di mettere piede fuori dalla porta rischia di provocarle un attacco di panico.

Passa le sue giornate vagando da una stanza all’altra con un bicchiere di Pinot in mano, chattando con uomini sconosciuti, guardando vecchi film noir – la sua passione – e soprattutto… spiando i vicini con l’aiuto della sua Nikon D5500. Nel mirino ora ci sono i Russell, che da poco si sono trasferiti nella villetta al lato opposto del parco. Una madre, un padre e un ragazzino adolescente: la famiglia perfetta, quella che Anna rivorrebbe con sé.

Una notte però alla finestra dei Russell, Anna assiste a qualcosa di terribile, qualcosa di così sconvolgente che sgretolerà il suo fragile equilibrio e metterà a nudo la verità che ha sepolto per mesi.

Ma il giorno dopo un dubbio spaventoso si insinua nella sua mente: la scena che ha visto è reale o frutto della sua immaginazione? Qualcuno è davvero in pericolo o a terrorizzarla è solo la sua paranoia?

«Se l'obiettivo, per Finn, è quello di elevare un genere già potente per vendite e gradimento, a un livello più intellò, l'obiettivo è centrato: il romanzo è «letterario» senza perdere il passo mozzafiato: il flusso di coscienza di Anna è contemporaneo eppure mantiene atmosfere e struttura dei classici di genere del Novecento.»

Stefania Vitulli, "Il Giornale"

A. J. Finn ha scritto per il “Los Angeles Times”, il “Washington Post” e il supplemento letterario del “Times”. Originario di New York, Finn ha vissuto in Inghilterra per dieci anni prima di tornare a casa.

La donna alla finestra, A J Finn