Approvato dal CdA il resoconto intermedio di gestione al 31.03.2018

Il Consiglio di Amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza di Marina Berlusconi, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2018[1] presentato dall’amministratore delegato Ernesto Mauri.

ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO NEL PRIMO TRIMESTRE 2018

L’andamento del Gruppo nel primo trimestre 2018 risente dei trend dei mercati di riferimento che evidenziano, da un lato, la crescita dei libri, dall’altro, la continua flessione dei magazine.

I ricavi consolidati si sono attestati a 253,4 milioni di euro, in calo del 6,7% rispetto a 271,6 milioni di euro del primo trimestre dell’esercizio precedente, principalmente per la performance delle aree Periodici determinata da un’accelerazione dei trend negativi dei mercati di riferimento, sia a livello diffusionale sia pubblicitario, e da un diverso timing di alcune iniziative. In crescita dell’1% i ricavi dell’area Libri, per effetto della positiva performance registrata in particolare dal segmento Educational.

L’Ebitda adjusted del primo trimestre 2018 è pari a 0,5 milioni di euro (dai 4 milioni di euro del primo trimestre del 2017), con un calo riferibile all’area Periodici Italia (in diminuzione di 4,4 milioni di euro), in cui le continue azioni volte alla riduzione dei costi operativi e di struttura hanno solo in parte mitigato il calo dei ricavi derivante dal trend dei mercati tradizionali.

Il differente timing di alcune iniziative (legate principalmente ad eventi) rispetto allo scorso esercizio ha inoltre ampliato la flessione. L’area Libri ha invece registrato un incremento significativo per effetto di ulteriori efficienze operative derivanti dall’integrazione di Rizzoli Libri nonché dei minori costi delle attività logistiche, conseguenti all’outsourcing finalizzato nel 2017.

Il margine operativo lordo consolidato (passato da 2,3 milioni di euro a -3 milioni di euro) riflette la flessione operativa, amplificata da maggiori oneri di ristrutturazione registrati nel trimestre rispetto allo stesso periodo del 2017, anch’essi riconducibili all’andamento dell’area Periodici Italia.

Il risultato operativo consolidato al 31 marzo 2018 è negativo per 10,7 milioni di euro rispetto a -5,6 milioni di euro al 31 marzo 2017 ed include ammortamenti e svalutazioni per 7,7 milioni di euro, in calo da 8 milioni di euro dell’esercizio precedente.

Il risultato consolidato prima delle imposte è negativo per 14,9 milioni di euro da -9,5 milioni di euro al 31 marzo 2017, ed include:

  • la significativa contrazione degli oneri finanziari (da 3,4 milioni di euro a 1,5 milioni di euro), per effetto di un tasso di interesse medio più che dimezzato rispetto all’esercizio precedente (da 4,86% a 2,19%) nonché di un minore indebitamento netto medio;
  • un risultato negativo delle società collegate (consolidate ad equity) in peggioramento da
    -0,5 milioni euro a -2,8 milioni per effetto in particolare di Mach2 Libri, società operante nella distribuzione di libri al canale della GDO, posta in liquidazione dal 15 marzo 2018.

Il risultato netto è negativo per 13,6 milioni di euro, rispetto a -9,2 milioni del 31 marzo 2017.

La posizione finanziaria netta di Gruppo al 31 marzo 2018 si è attestata a -221,9 milioni di euro, in miglioramento del 22,5% rispetto a -286,2 milioni di euro del 31 marzo 2017, per effetto della generazione di cassa ordinaria positiva del Gruppo pari a 64,9 milioni di euro.

Al 31 marzo 2018, il flusso di cassa operativo degli ultimi dodici mesi è positivo per 85,3 milioni di euro; il flusso di cassa derivante dall’attività ordinaria (dopo gli esborsi relativi agli oneri finanziari, alla gestione delle partecipazioni e alle imposte del periodo) è pari a 64,9 milioni di euro, confermando il percorso di miglioramento reddituale e finanziario del Gruppo.

Il flusso di cassa straordinario è negativo per 0,7 milioni di euro.

Al 31 marzo 2018 il personale dipendente del Gruppo risulta composto da 3.035 unità, in calo del 5,6% rispetto ai 3.214 del 31 marzo 2017, per effetto della cessione delle attività logistiche avvenuta a maggio 2017, nonché della prosecuzione delle attività di ristrutturazione ed efficientamento nelle singole aree di business del Gruppo. Al netto dell’operazione di outsourcing della logistica, il calo si attesterebbe al 2,6%.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Alla luce del contesto di riferimento attuale e dell’andamento della gestione nei primi mesi dell’anno, è ragionevole confermare per l’esercizio 2018, a perimetro attuale, le stime già comunicate al mercato: ricavi consolidati in leggera contrazione; EBITDA adjusted sostanzialmente stabile; utile netto in diminuzione rispetto al 2017 che aveva accolto componenti positive non ricorrenti; mentre il cash flow ordinario è stimato in un range compreso tra 55-60 milioni di euro, in miglioramento dalla precedente previsione pari a 50 milioni di euro.

LE AREE DI BUSINESS

  • LIBRI

Il mercato dei Libri trade nei primi tre mesi dell’anno ha evidenziato una crescita pari al +4,1%[2] derivante anche dallo sfasamento temporale relativo alle festività pasquali rispetto al corrispondente periodo del 2017. Ad aprile, il mercato è risultato in crescita dell’1% circa.

In questo contesto Mondadori Libri si è confermata leader di mercato con una market share complessiva nel trade pari al 27,7%[3].

Nel periodo in esame il Gruppo occupa i primi tre posti della classifica dei dieci libri più venduti a valore, dove è presente complessivamente con otto titoli: Quando tutto inizia di Fabio Volo (Mondadori); Storie della buonanotte per bambine ribelli 2 di Francesca Cavallo ed Elena Favilli (Mondadori); Origin di Dan Brown (Mondadori); Il morso della reclusa di Fred Vargas (Einaudi); Storie della buonanotte per bambine ribelli di Francesca Cavallo ed Elena Favilli (Mondadori); Darker. Cinquanta sfumature di nero raccontate da Christian di E. L. James (Mondadori); Sono sempre io di Jojo Mojes (Mondadori) e La grande truffa di John Grisham (Mondadori).

I ricavi dell’Area nei primi tre mesi del 2018 si sono attestati a 73,4 milioni di euro, in crescita dell’1% rispetto ai 72,6 milioni di euro dello stesso periodo del 2017, per effetto della positiva performance registrata nell’area Educational dal business della scolastica e con le attività di gestione e organizzazione mostre di Mondadori Electa.

Nel trade i ricavi dei primi tre mesi hanno rilevato una flessione del 7% rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente, principalmente riconducibile alla prosecuzione della strategia di selettiva produzione dei titoli novità, mirata all’incremento della redditività, nonché alla contrazione registrata dal canale della GDO in cui il Gruppo detiene una quota di mercato rilevante.

Il margine operativo lordo rettificato dell’area Libri si attesta a -0,8 milioni di euro, in significativo miglioramento rispetto a -2,9 milioni di euro del pari periodo del precedente esercizio, per effetto di ulteriori efficienze operative derivanti dall’integrazione di Rizzoli Libri e dal percorso di ottimizzazione gestionale intrapreso negli ultimi esercizi, in particolare relativo alla riduzione dei titoli pubblicati e delle relative tirature medie, nonché dei minori costi delle attività logistiche, conseguente all’outsourcing finalizzato nel corso del 2017.

Il margine operativo lordo è risultato pari a -1 milione di euro, confermando la crescita sopra citata rispetto all’esercizio precedente (-3,1 milioni di euro al 31 marzo 2017).

  • RETAIL

Nei primi tre mesi dell’anno l’area Retail ha registrato ricavi per 43,2 milioni di euro, in crescita dello 0,9% rispetto all’analogo trimestre dell’esercizio precedente (42,9 milioni di euro), con un incremento del prodotto libro (82% circa dei ricavi totali) pari al 3,6%, anche per l’effetto del favorevole calendario che nel 2018 ha incluso le vendite realizzate durante le festività pasquali.

L’analisi dei canali evidenzia:

  • una crescita del 4% dei Bookstore diretti, guidata dalla positiva performance del Libro (+2,5% a parità di negozi);
  • un calo del 7% dei Megastore, non solo legato alla contrazione delle vendite del consumer electronics ma anche alle chiusure dei negozio di Palermo e San Pietro all’Orto (+5% considerando solo le vendite dei libri, a parità di negozi);
  • un incremento del 5% dei Bookstore in franchising;
  • una crescita del 10% del canale on-line;
  • una flessione del canale Club, in linea con il trend rilevato nell’esercizio precedente.

Mondadori Retail ha registrato nei primi tre mesi dell’esercizio in corso un miglioramento del margine operativo lordo rettificato, a -1,9 milioni di euro rispetto a -2,1 milioni di euro del 31 marzo 2017, per effetto dei primi risultati del progetto di razionalizzazione dei negozi in gestione diretta, nonostante la mirata riduzione delle vendite del prodotto consumer electronics.

Il margine operativo lordo si attesta a -2,1 milioni di euro, in significativo recupero rispetto ai primi tre mesi del 2017 (-2,9 milioni) per effetto di minori oneri di ristrutturazione.

  • PERIODICI ITALIA

In Italia nel primo trimestre dell’anno il mercato dei periodici ha evidenziato una sostenuta contrazione sia a livello diffusionale[4], in particolare per quanto riguarda le vendite di prodotti collaterali, sia pubblicitario[5].

In questo contesto i ricavi dell’area Periodici Italia si sono attestati a 70,2 milioni di euro, in calo del 13,6% rispetto a 81,2 milioni di euro nel pari periodo del 2017. In particolare:

  • i ricavi diffusionali risultano in calo dell’8,4%, con performance leggermente superiore rispetto all’andamento del mercato di riferimento (edicola e abbonamenti);
  • i ricavi pubblicitari (print + web) risultano in contrazione dell’11,6%; con una raccolta web stabile rispetto al primo trimestre 2017, mentre la raccolta print riflette anche un diverso timing di alcune iniziative legate ad eventi sul territorio (in particolare del tour Panorama d’Italia);
  • i ricavi derivanti dai prodotti collaterali risultano in significativa contrazione (-30% circa), rispetto al pari periodo del 2017;
  • nell’attività di distribuzione e ricavi verso terzi di Press-Di è stata registrata una sostanziale stabilità rispetto all’esercizio precedente (-0,8%).

Nel periodo il Gruppo Mondadori si conferma leader di mercato con una market share a valore pari al 30,8%[6]. L’unique audience ha raggiunto 17,6 milioni di utenti al mese[7], in crescita del 7% rispetto al primo trimestre del 2017, confermando il Gruppo Mondadori il primo editore tradizionale italiano anche nel settore digitale.

Il margine operativo lordo rettificato dell’area Periodici Italia ha registrato un andamento negativo a 2,1 milioni di euro rispetto ai 6,6 milioni di euro del primo trimestre 2017 per effetto principalmente del calo dei ricavi derivante dal trend dei mercati di riferimento, che è stato nel periodo solo parzialmente mitigato dalle continue azioni sui costi, nonché da una diversa programmazione di alcune iniziative. È proseguito il percorso di miglioramento dell’area digital che anche in questo trimestre ha incrementato il proprio EBITDA adjusted.

Il margine operativo lordo complessivo dell’area (-0,8 milioni di euro da 6,5 milioni di euro) è infine ulteriormente aggravato dai maggiori oneri di ristrutturazione registrati nel periodo, derivanti dalla necessaria accelerazione del processo di riduzione della struttura.

  • PERIODICI FRANCIA

Nei primi tre mesi del 2018 i ricavi di Mondadori France si sono attestati a 75,6 milioni di euro, in  calo del 6,3% rispetto a 80,7 milioni di euro registrati nel pari periodo del 2017.

In particolare:

  • i ricavi diffusionali (75% del totale) hanno registrato una flessione del -6,6% rispetto all’esercizio precedente;
  • i ricavi pubblicitari hanno registrato complessivamente un calo del -9,2% rispetto al pari periodo del 2017: il print (86% del totale dei ricavi pubblicitari) ha registrato un calo del 6,2%, inferiore rispetto all’andamento del mercato di riferimento[8].

Il margine operativo lordo rettificato è pari a 3,3 milioni di euro, in calo da 3,6 milioni di euro dei tre mesi del precedente esercizio. Escludendo il contributo nel primo trimestre 2017 di NaturaBuy (società poi ceduta a maggio 2017), il risultato è sostanzialmente stabile per effetto delle significative azioni di contenimento dei costi industriali, avviate nel 2017, e di riorganizzazione dei team di advertising e digital che hanno cominciato a produrre benefici riuscendo a compensare integralmente la flessione dei ricavi legata all’andamento dei mercati.

Il margine operativo lordo complessivo è risultato pari a 3,2 milioni di euro, in crescita del 7% circa rispetto ai tre mesi del 2017, per effetto dei minori costi di ristrutturazione sostenuti.

FATTI DI RILIEVO DOPO LA CHIUSURA DEI PRIMI TRE MESI DELL’ANNO

Come comunicato iI 24 aprile 2018, l’Assemblea ordinaria degli Azionisti ha provveduto alla nomina del Consiglio di Amministrazione, composto da 14 membri, e del Collegio Sindacale che rimarranno in carica per tre esercizi fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2020.

In data 2 maggio 2018 è stata sottoscritta la cessione a HCI Holding del 100% del capitale sociale di Inthera S.p.A., società specializzata in strategia, progettazione e sviluppo di soluzioni di content & data driven marketing, CRM, analisi e gestione di database.

Il Consiglio di Amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore riunitosi oggi ha inoltre esaminato le offerte vincolanti ricevute dal gruppo European Network relative all’acquisizione dei magazine settimanali Tustyle e Confidenze.

Il Consiglio ha contestualmente deliberato di dare mandato all’amministratore delegato di svolgere le attività funzionali al completamento dell’operazione, che si inserisce nell’ambito della strategia più volte annunciata di focalizzazione del portafoglio prodotti sui brand core a maggiore redditività e potenzialità di sviluppo multicanale.

La documentazione relativa alla presentazione dei risultati al 31 marzo 2018 viene resa disponibile presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato 1Info (www.1info.it) e su www.mondadori.it (sezione Investors).

Il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2018 sarà messo a disposizione presso la sede legale della Società, sul meccanismo di stoccaggio autorizzato (www.1Info.it) e su www.mondadori.it (sezione Investors) entro la data odierna.

PUBBLICAZIONE VERBALE ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. informa che è disponibile presso la sede legale della Società, presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato (www.1info.it) e sul sito www.mondadori.it (sezione Governance), il verbale dell’Assemblea ordinaria degli Azionisti del 24 Aprile 2018

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Oddone Pozzi, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili della Società.

In allegato (nel pdf completo):

  1. Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata;
  2. Conto economico consolidato;
  3. Cash flow di Gruppo;
  4. Glossario dei termini e degli indicatori alternativi di performance utilizzati.

[1] A partire dal 1° gennaio 2018 (e ai fini di una omogenea rappresentazione, anche per l’esercizio 2017), il Gruppo ha applicato il nuovo principio contabile IFRS15 – Revenue from Contracts with Customers – relativo ad un nuovo modello di riconoscimento dei ricavi; tale principio si applica a tutti i contratti stipulati con i clienti ad eccezione di quelli che rientrano nell’ambito di applicazione di altri principi IAS/IFRS come i leasing, i contratti d’assicurazione e gli strumenti finanziari. L’adozione del nuovo principio IFRS15 rappresenta una differente esposizione dei ricavi e dei costi senza alcun effetto sul margine operativo lordo. A partire dall’esercizio 2018 il risultato derivante dalle società collegate (consolidate ad equity), precedentemente classificato nell’EBITDA adjusted, è esposto sotto il Risultato Operativo (o EBIT); per omogeneità, è stato conseguentemente riclassificato l’esercizio 2017
[2] Fonte: GFK, marzo 2018 a valore

[3] Fonte: GFK, marzo 2018 a valore

[4] -9,3% a valore (Fonte interna: Press-Di, dati progressivi a febbraio 2018 edicola + abbonamenti)

[5] -11% (Fonte: Nielsen, dati progressivi a marzo 2018)

[6] Fonte interna: Press-Di, dati progressivi a marzo 2018 edicola + abbonamenti

[7] Fonte: Audiweb, dato medio gennaio-febbraio 2018

[8] -9,9% (Fonte Kantar Media, dati a valore, progressivi a febbraio).