Il Corano nella nuova edizione della collana Islamica presentato a Benedetto XVI

 

Mercoledì 19 gennaio Maurizio Costa, Vice Presidente e Amministratore Delegato di Mondadori, e Pietro Citati, Direttore della Fondazione Valla, hanno presentato in Vaticano a Papa Benedetto XVI una copia de Il Corano nella nuova edizione della collana Islamica.

Il Santo Padre ha ringraziato e ha espresso approvazione per questa iniziativa culturale e religiosa.

“Sono molto onorato che il Santo Padre abbia voluto ricevere in dono una copia del Corano, così come nel 2006 ricevette l’edizione speciale della Bibbia”, ha spiegato Maurizio Costa. “Per Mondadori questo evento rappresenta un ulteriore riconoscimento della propria tradizione di editore pronto a dar voce a tutte le istanze della società e del pensiero, nel rispetto della pluralità delle idee e dei valori”.

“Le traduzioni italiane erano poche e cattive: i commenti non erano migliori”, ha sottolineato Pietro Citati. “A partire da ora gli italiani potranno dunque leggere il Corano abbandonandosi a quell’onda solenne e tumultuosa. Credo che le sorprese saranno tantissime”.

Il testo, a cura di Alberto Ventura, è pubblicato in una traduzione del tutto nuova di Ida Zilio-Grandi, docente di Lingua e letteratura araba all’Università di Venezia. L’opera è stata curata con le indispensabili competenze linguistiche e ha come obiettivo quello di rendere il Corano chiaro e comprensibile, in un italiano moderno e privo di arcaismi utilizzati generalmente nella traduzione di testi religiosi antichi.

L’amplissimo commento, il più ricco e completo mai scritto in lingua occidentale, è stato ideato da un gruppo internazionale di studiosi – la stessa Zilio-Grandi, Mohammad Ali Amir-Moezzi, Mohyiddin Yahia e Alberto Ventura – per spiegare le molte difficoltà e ambiguità del testo, in modo da illuminare il lettore sui significati di ogni singolo versetto, sulle possibili differenze di interpretazione e sulle storie alle quali spesso si accenna senza i necessari dettagli.