Flair: il September Issue svela l’evoluzione del magazine

Il femminile lifestyle d’alta gamma del sistema Panorama conferma il suo posizionamento upmarket con un nuovo formato e nuovi contenuti

COVER-MARIACARLA_barcodex.jpg

 

Flair, il femminile d’alta gamma del sistema Panorama, diretto da Michele Lupi, si evolve nei contenuti e nella forma con una personalità ancora più coinvolgente. A partire dal numero in uscita il 24 settembre, infatti, il magazine si presenta con un layout grafico più pop, creativo e vivace, una struttura più semplice e un formato più ampio, uguale a quello di Icon.

Novità che confermano il posizionamento d’alta gamma del periodico, ma che contemporaneamente lo proiettano verso una fruizione più ampia e immediata.

Flair rimane infatti un hub creativo capace di aggregare attorno alla testata i più rilevanti talenti internazionali e nuove generazioni di creativi nell’ambito della fotografia, della moda e della scrittura, che ora allargano il raggio d’azione a celebrities e top model accanto alle consuete modelle da copertina. Proprio la fotografia rimane uno dei principali focus del magazine: Flair continua infatti la collaborazione con i più grandi artisti internazionali senza rinunciare a scoprire e valorizzare i talenti emergenti sia sul panorama internazionale che italiano.

Rinnovamenti anche nell’organizzazione dei contenuti con maggiore spazio, in termini quantitativi e qualitativi, a moda e beauty nella prima parte del giornale e una razionalizzazione delle sezioni interne. La sezione delle main fashion stories è aperta da una cover rigida in cui il soggetto di copertina di Flair viene reinterpretato da diversi artisti. Un’attenzione ancora maggiore è dedicata ai brand della moda, andando a cogliere e valorizzare a livello di styling le peculiarità di ciascuna maison, per offrire alle lettrici un’esperienza di stile ricercata e completa.

Protagonisti del numero in uscita sono la modella icona Mariacarla Boscono, a cui è dedicata la copertina, l’attrice hollywoodiana Amber Heard e Wanda Ferragamo, un mito dell’eleganza italiana. Accanto agli scatti di fotografi internazionali come Ezra Petronio, spazio anche a maestri della creatività come Elaine Constantine e Nobuyoshi Araki; mentre per la narrativa, Flair ha conversato con Jonathan Franzen sul suo romanzo appena pubblicato in America.

Il 2015 è un anno di evoluzione per Flair che aveva già cominciato a febbraio diventando un magazine autonomo, venduto separatamente rispetto a Panorama per le prime tre settimane di disponibilità al prezzo di €3,50, per poi essere offerto in abbinata al settimanale nell’ultima settimana del mese di riferimento, a un prezzo totale di €3. Ora continua ad ampliarsi la sua distribuzione internazionale (già avviata da gennaio 2015 con English text) nelle principali edicole e negli aeroporti di Parigi, Londra, Berlino, New York, Los Angeles e Seul. La luxury edition sarà inoltre disponibile presso alcuni tra i bookstore più prestigiosi al mondo, come Colette a Parigi e My Boon e Boon the Shop a Seul.