“Panorama d’Italia” 2015 supera i record della prima edizione: 4 milioni le persone che hanno seguito il tour del newsmagazine

Numeri straordinari per il viaggio in 10 città italiane che ha raccontato da Trento a Palermo "tutto il meglio visto da vicino".
Già in cantiere la selezione delle nuove tappe del 2016

Logo-Payoff_alta.jpg

Chiude con numeri da record la seconda edizione di Panorama d’Italia, il tour che Panorama, il newsmagazine diretto da Giorgio Mulè, ha condotto quest’anno da marzo a novembre in dieci città italiane, per raccontare il meglio dell’Italia direttamente dal suo territorio.
Sono 4 milioni le persone raggiunte dalla live&media experience di Panorama, tra lettori, utenti web e partecipanti diretti del tour. Obiettivo dell’iniziativa: dialogare con i cittadini e stabilire un legame con le eccellenze del made in Italy nel mondo dell’impresa, dell’economia, della cultura e dell’enogastronomia, attraverso un calendario di iniziative ed eventi aperti a tutti.
In crescita tutti i numeri del tour rispetto alla prima edizione dello scorso anno: il pubblico intervenuto fisicamente agli appuntamenti cittadini è stato di 110 mila persone; gli utenti della community sui social sono stati 276.500, con 2.780.00 visualizzazioni complessive solo su Facebook. E ancora 375 tra ospiti e relatori, 500 media mobilitati, 191 imprenditori nelle tavole rotonde con il coinvolgimento di 600 aziende, tra cui anche 180 start-up innovative, 15 università e 37 sponsor complessivi.

Prestigiosi gli interventi istituzionali: a partire dalla “benedizione” del presidente della Repubblica SergioMattarella che ha dedicato al tour un messaggio inaugurale in occasione della partenza da Napoli e un saluto finale nei giorni dell’ultima tappa nella sua Palermo: “L’Italia deve ripartire dall’Italia” – ha detto il Presidente – “per dire la sua in Europa e nel mondo, dove c’è bisogno di lei”. Alle tappe di Panorama d’Italia, del resto, hanno partecipato le più alte cariche nazionali, con 6 ministri della Repubblica, 8 presidenti di Regione e 8 sindaci, che hanno incontrato i cittadini in eventi aperti al pubblico sui temi d’attualità. Dopo la tappa inaugurale di Napoli, il tour ha toccato Vicenza, Pisa, Varese, Matera, Trento, Spoleto, Modena, Bari e Palermo.

“Raccontare tutto il meglio visto da vicino, in tutti i settori che rendono unico il nostro paese: questa era la nostra missione”, dichiara il direttore di Panorama Giorgio Mulè. “Abbiamo cercato di farlo con tutte le nostre forze, offrendo 400 pagine del nostro giornale e 160 ore di live streaming, e raccogliendo l’invito del presidente Mattarella a raccontare il bello che c’è. I numeri e l’entusiasmo che abbiamo raccolto ci dicono che ci siamo riusciti. Per questo Panorama d’Italia è un’esperienza che non può e non deve finire qui. Partiremo il prossimo anno con una nuova avventura in altre 10 città perché ci sono ancora tanti tesori, in questo grande scrigno, che vale la pena di raccontare da vicino”, conclude Mulè.

Tanti i protagonisti del tour dal mondo della musica e dello spettacolo che hanno accompagnato il viaggio di Panorama attraverso l’Italia da nord a sud: da Fedez a J-Ax, passando per Edoardo Bennato, Il Volo, Malika Ayane, Mara Venier, Lino Banfi, Nino Frassica, i ragazzi di Braccialetti Rossi e tantissimi altri ospiti a cavallo tra cinema, tv, teatro, letteratura e arte.

Proprio l’arte è stata grande protagonista con le “lectio magistralis” di Vittorio Sgarbi, dal Museo Capodimonte di Napoli al Teatro Politeama Garibaldi di Palermo al Petruzzelli di Bari e al Gian Carlo Menotti di Spoleto, tra le altre. La cultura è rimasto il vero filo conduttore, con un’attenzione prioritaria ai libri, protagonisti costanti in tutte le tappe: regalati da Panorama a quattro scuole per ogni città, meritati dagli allievi che hanno saputo meglio spiegare perché avere un libro è importante; o presentati dai loro stessi autori, come Valerio Massimo Manfredi, Nicola Lagioia, Maurizio De Giovanni e tanti altri.

Molte le aziende che hanno sposato lo spirito del tour e seguito Panorama nel suo percorso, sia accompagnando l’intero progetto, sia con eventi mirati su una o più specifiche tappe: aziende che hanno voluto creare, insieme alla testata, occasioni per una vicinanza qualificata ai propri pubblici. Main sponsor dell’intero tour sono stati: Autostrade per l’Italia, Banca Mediolanum, Eicma, Enel, Eni, Grana Padano, IBM, Invitalia, MSC Crociere, Università Telematica Pegaso, oltre alla charity partnership con la Lega del Filo d’oro.

Panorama d’Italia è realizzato in collaborazione con The Triumph Group International, per produzione esecutiva, organizzazione e logistica, mentre la piattaforma e la strategia digitale sono curate da H2H.