Cracking Art con il contributo del Gruppo Mondadori offre una borsa di studio a favore della biblioteca della Casa del Manzoni

 
_MG_8289compr.jpg

 

Cracking Art, gruppo di artisti noto da più di vent’anni per l’installazione in tutto il mondo di animali giganti in plastica rigenerabile e colorata, nel mese di settembre ha scelto Palazzo Niemeyer, sede del Gruppo Mondadori, come teatro di una spettacolare installazione collettiva delle proprie opere.
Durante l’iniziativa sono state raccolte delle donazioni per la promozione delle attività culturali del Centro Nazionale Studi Manzoniani: a tutti coloro che hanno partecipato è stata consegnata in omaggio una piccola rana- scultura Cracking Art.

_MG_8143compr.jpg

 

La somma raccolta grazie al contributo del Gruppo Mondadori è stata destinata all’istituzione di una borsa di studio finalizzata alla nuova catalogazione della biblioteca di Alessandro Manzoni, che si trova nella Casa Museo inaugurata lo scorso 6 ottobre.
Il bando di assegnazione sarà reso pubblico da oggi, giovedì 14 gennaio, sul sito www.casadelmanzoni.it.
La borsa di studio potrà essere fruita dal 10 marzo al 30 settembre. Il candidato prescelto avrà il compito della revisione scientifica del file del catalogo della biblioteca di Alessandro Manzoni, conservata al Centro Nazionale Studi Manzoniani, che comprende 1600 titoli («Annali Manzoniani», vol. VI, pp. 65-159) .

Cracking Art
Tutte le creazioni di Cracking Art sono caratterizzate da un uso innovativo dei materiali plastici: rigenerare la plastica significa sottrarla alla distruzione tossica e devastante per l’ambiente; farne delle opere d’arte collocate in contesti urbani, monumentali e storici, significa comunicare, attraverso un linguaggio estetico innovativo, ed esprimere una particolare sensibilità nei confronti della natura e dell’uomo. Questa operazione rientra nel progetto Cracking Art “L’arte rigenera l’Arte” finalizzata alla raccolta fondi a favore di iniziative di restauro del patrimonio artistico e monumentale o a progetti culturali.

Photo credits: Marco Covi/ Mondadori Portfolio