Donna Moderna: un talk e un volume fotografico per raccontare il terremoto del centro Italia

L'evento di presentazione è previsto per domenica 22 ottobre alle ore 16.45, nel rinnovato Palazzo del Cinema Anteo, nell'ambito del Milano Design Film Festival

LibroTerremotoDonnaModerna

Donna Moderna, il magazine del Gruppo Mondadori diretto da Annalisa Monfreda, da sempre attento alle problematiche sociali, ha ideato un progetto editoriale legato al terremoto che ha colpito il centro Italia nell’agosto 2016.

Donna Moderna ha seguito per un anno con inchieste, foto e video il processo di ricostruzione delle zone terremotate grazie al lavoro del fotogiornalista Alessandro Scotti che periodicamente si è recato nei luoghi del sisma per documentare la quotidianità stravolta dei paesi colpiti.

“All’indomani del terremoto, in redazione, mentre seguivamo gli aggiornamenti e confezionavamo articoli, ci è parso di essere attori di un rito sempre uguale. 10 giorni di attenzione, empatia con le vittime, poi il silenzio”, ha dichiarato il direttore Annalisa Monfreda. “Per una volta volevamo che fosse diverso. Così, con il sostegno di Vodafone, ogni settimana abbiamo raccontato la vita quotidiana di chi aveva perso affetti, casa e lavoro, ma doveva comunque andare avanti. La razionalità dell’inchiesta, unita all’umanità delle storie, in uno spazio nuovo, progettato appositamente: il live longform Ricominciamo (donnamoderna.com/dossier-terremoto). Un anno dopo, nell’infinita mole di materiale raccolto, abbiamo aperto il sentiero per questo libro”, ha concluso Monfreda.

Per presentare il lavoro svolto durante questi 365 giorni, Donna Moderna domenica 22 ottobre alle ore 16.45 all’interno del Milano Design Film Festival, nel rinnovato Palazzo del Cinema Anteo, organizza un talk per parlare del progetto insieme al direttore Annalisa Monfreda, al designer Luca Pitoni e al fotografo Alessandro Scotti. Questo incontro introdurrà agli ospiti la proiezione di Casa d’altri, il doc che Gianni Amelio ha girato nelle zone colpite dal sisma e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

Il pubblico potrà assistere inoltre alla presentazione del volume Terremoto – 365 giorni, i luoghi, le persone” (Mondadori), il libro fotografico nato dal progetto multimediale di Donna Moderna #Ricominciamo che raccoglie un anno di reportage in centro Italia.

Il volume, composto da 100 pagine ‘non cucite’ per dare il senso del ‘non finito’ esattamente come la ricostruzione, contiene la prefazione di Stefano Boeri, architetto e urbanista, nominato esperto per le attività di pianificazione urbanistica delle quattro regioni danneggiate dal sisma, Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria.

Con un formato e impaginazione particolare, “Terremoto – 365 giorni, i luoghi, le persone” sarà disponibile direttamente presso il Cinema Anteo dal 19 al 22 ottobre (prezzo al pubblico 30 euro).

Vodafone Italia ha sostenuto il progetto di Donna Moderna nelle zone colpite dal sisma. Attraverso il contributo di Fondazione Vodafone sono state anche installate, con l’aiuto di dipendenti Vodafone volontari, delle posizioni di Instant Charge, per ricaricare le batteria dei cellulari, nei presidi della Protezione Civile di Amatrice, Arquata del Tronto ed Accumuli.