Mondadori Magazine: nasce il polo International Fashion

Tra le priorità strategiche l’ulteriore sviluppo e valorizzazione del brand Grazia in Italia e nel mondo

All’interno dell’area Periodici Italia del Gruppo Mondadori, guidata dal direttore generale Carlo Mandelli, viene costituito oggi il polo International Fashion, affidato al brand manager Daniela Sola.

Tra le priorità strategiche della nuova struttura, l’ulteriore sviluppo di Grazia in Italia e nel mondo per accrescere in modo ancora più coordinato ed efficace il valore del brand.
A Sola – che proviene da un’esperienza pluriennale in Salvatore Ferragamo Parfums dopo 12 anni di attività nel mondo dell’editoria – il compito di fare leva sul network internazionale di Grazia per implementare la forza di un brand che da quasi 80 anni è un punto di riferimento nel panorama editoriale della moda e della bellezza, presente oggi in 24 Paesi del mondo.

Per il suo stile inconfondibile Grazia è riconosciuto ogni giorno, dai lettori e dalle community digitali più dinamiche e sofisticate, come l’interprete più qualificato del Made in Italy, diventando anche uno dei veicoli pubblicitari preferiti dalle aziende di moda e cosmetica del mercato di alta gamma.

Punti di forza che hanno permesso a Grazia di evolvere in un sistema multicanale print-digital-social-eventi che, attraverso le sue pubblicazioni e siti, raggiunge nel mondo un’audience complessiva di 17 milioni di lettori – con una media di 10 milioni di copie al mese – e di 30 milioni di utenti unici.
In Italia, il brand ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un incremento della raccolta pubblicitaria complessiva a spazio print+web del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Daniela Sola assume contestualmente, a diretto riporto del direttore generale Periodici Italia Carlo Mandelli, il ruolo di managing director di Mondadori International Business, la società che gestisce la presenza sui mercati esteri anche di altri brand del Gruppo, tra cui Interni, Icon, Icon Design e Il mio Papa.

cover Grazia