•   Obiettivo raggiunto
  •   Progetto in corso
  •   Progetto in stand-by
Obiettivo Stato dell’arte/risultati
Stesura di una nuova Politica della sostenibilità, alla luce dei mutamenti intercorsi all’interno del Gruppo In corso interviste e consultazioni per definire una prima bozza  
Ridefininizione del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi di sostenibilità Nel sistema di risk assessment è stata introdotta un’analisi completa e sistematica dei rischi riconducibili agli effetti sociali e ambientali, aggiornata e ripetuta annualmente  
Obiettivo Stato dell’arte/risultati
Calcolo delle emissioni a monte e a valle delle attività del Gruppo Dal 2015 si effettua una stima delle emissioni legate alla logistica dei prodotti editoriali (trasporto primario), con l’intenzione di poter allargare gli ambiti di rendicontazione legati alla catena di fornitura in relazione alla produzione di libri e magazine cartacei  
Creazione di una policy aziendale per la differenziazione dei rifiuti e una maggiore sensibilizzazione dei dipendenti, realizzazione di un database per la raccolta dei dati relativi ai rifiuti, definizione di una procedura per la gestione dei rifiuti generati dalle manutenzioni Il monitoraggio della gestione dei rifiuti è accurato per la sede di Segrate; allo studio possibili soluzioni per allargare il perimetro  
Obiettivo Stato dell’arte/risultati
Stesura di una policy per la valutazione e selezione delle diverse offerte di partnership sociale Il monitoraggio delle iniziative a sostegno delle comunità e l’audit realizzato per consentire un corretto svolgimento delle attività necessita di un quadro normativo interno e/o di appositi tool per evitare dispersione di risorse  
Attività di coinvolgimento degli stakeholder lungo tutto l’arco dell’anno Oltre alle attività di confronto con i portatori d’interesse già pianificate e ricorrenti sorge l’esigenza di coinvolgere singoli stakeholder o gruppi in occasioni o progetti dedicati  
Progettazione di un piano di formazione permanente relativo alla sicurezza sul luogo di lavoro Validazione del progetto sperimentale da parte dell’AUSL di riferimento e avvio del piano formativo in modalità di e-learning (2013); realizzazione di software ad hoc per la gestione e il monitoraggio del piano formativo negli anni successivi (2013-2014); definizione di nuova metodologia per l’individuazione dei lavoratori esposti a rischi specifici e la programmazione delle relative visite mediche obbligatorie (2015); erogazione della formazione sulla sicurezza sul luogo di lavoro alla quasi totalità dei dipendenti (2013-2014) e oltre 400 corsi nel 2015 per i neo-assunti, i preposti dei punti vendita, i responsabili del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e i rappresentanti della sicurezza dei lavoratori (RSL) per le rispettive sessioni di aggiornamento