L’ampio ventaglio di contenuti creati da Mondadori è distribuito attraverso diversi canali e modalità di consumo: libri cartacei ed elettronici, magazine fisici e online, siti di e-commerce e di servizio, applicazioni web.

Ne consegue la realizzazione di contenuti multidevice, fruibili, sia online sia offline, non solo su computer, ma anche su dispositivi mobile, come e-reader, tablet e smartphone.

L’applicazione più articolata di questo sistema di creazione di contenuti è rappresentata dall’editoria scolastica che, per effetto delle recenti disposizioni didattiche e dell’evoluzione tecnologica, da alcuni anni ha sviluppato prodotti sempre più accessibili.

Nel corso del 2016 le aree educational sia di Mondadori sia di Rizzoli hanno rivolto particolare attenzione alla creazione di prodotti editoriali per studenti che rispondessero al tema dell’inclusività. La gran parte delle risorse, intellettuali ed economiche, è stata destinata alla progettazione di testi fruibili anche da parte degli studenti con Bisogni Educativi Speciali (BES) e Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), arrivando a coprire circa il 70% dei contenuti scolastici. L’avanzamento nel digitale permette di elaborare documenti ad alta leggibilità e di affiancare al testo un pacchetto di sistemi di supporto quali la retroversione accessibile, le mappe concettuali interattive, le integrazioni audio e video per favorire l’assimilazione delle conoscenze.

Un contributo notevole si deve a Rizzoli Education e ai volumi realizzati in partnership con il Centro Studi Erickson, editore e ente formativo che si occupa di metodi didattici per il recupero e il sostegno, oltre che di problemi socio-adolescenziali. Dalla collaborazione è nata anche la rubrica #dossierBES, pensata per dare agli insegnanti tutti gli strumenti necessari per una didattica inclusiva in 9 sessioni online su Facebook e Twitter.

Dalla progettazione comune delle due aree educational è nata HUB Scuola, la piattaforma digitale che a partire da settembre 2017 includerà nello stesso ambiente i prodotti e gli strumenti delle case editrici, e sarà a tutti gli effetti la piattaforma per la didattica digitale italiana più importante in termini di copertura del mercato, ricca di contenuti e servizi innovativi per espandere e personalizzare i processi di apprendimento.

La realizzazione della nuova piattaforma editoriale ripropone, in chiave di accessibilità, una strategia editoriale orientata all’offerta di contenuti sempre più collaborativi e inclusivi per l’insegnamento e l’apprendimento. Con questo ambiente, infatti, docenti e studenti avranno a disposizione gli strumenti per impostare lezioni inclusive e alla portata di tutti, personalizzando e condividendo i materiali, monitorando i risultati, realizzando oggetti digitali e aggregando contenuti multimediali integrati ai propri testi, reperiti in rete o autoprodotti in classe.