Come media company siamo consapevoli di avere una grande responsabilità nei confronti dei nostri lettori e utenti. Per questo motivo ci impegniamo a garantire attraverso i nostri prodotti editoriali, siano essi magazine, siti e supporti/prodotti digitali o libri, un’informazione accurata, rigorosa, veritiera e rispettosa dei gusti e della sensibilità del pubblico.

Cultura mediale

Una declinazione della responsabilità nella creazione e diffusione dei contenuti verso il nostro pubblico si esplica anche nelle attività di media literacy, o cultura mediale, ovvero le iniziative rivolte ad aumentare la consapevolezza degli utenti rispetto ai mezzi di comunicazione.

Ne sono un esempio, nei magazine italiani, varie iniziative del mensile per bambini e ragazzi Focus Junior. Giunto alla terza edizione (che si concluderà nel 2018), il concorso Diventa giornalista del magazine Focus Junior è pensato per avvicinare bambini e ragazzi al mondo del giornalismo in modo divertente e innovativo, e al tempo stesso accurato ed esaustivo. Il progetto offre agli insegnanti un semplice vademecum gratuito che guidi gli alunni attraverso la creazione di un proprio giornalino scolastico, con l’aiuto di strumenti digitali. Utilizzando il kit del giornalista, i ragazzi hanno l’occasione di stimolare la loro curiosità e di lavorare sulle criticità nella scrittura supportati, in ogni passaggio, dalle linee guida fornite. Una volta ultimato il lavoro, ai piccoli reporter basta inviare il formato digitale all’indirizzo di posta elettronica del magazine.

Oltre 700 le scuole aderenti alla prima edizione (anno scolastico 2015-16) e 1.000 per la seconda (anno scolastico 2016-2017), il cui tema era la natura: il progetto legato all’anno scolastico 2017-18 è invece focalizzato sul giornalismo nell’era digitale. Infine, a partire dal numero di gennaio del magazine per bambini e ragazzi tra gli 8 e i 13 anni, Focus Junior ha pubblicato al suo interno Junior Reporter News, un vero e proprio giornale di 4 pagine, con una grafica e un formato in stile “quotidiano”, realizzato con la collaborazione dei lettori della rivista. I giovani reporter sono invitati a scrivere articoli e recensioni su temi di scienza, storia, geografia, viaggi, videogiochi e film, personaggi famosi o esperienze vissute, anche corredate da foto e disegni.

Mondadori France, pur non avendo attività proprie di educazione del pubblico all’uso dei media, partecipa a iniziative di formazione rivolte agli studenti, come la Semaine de la presse à l’école organizzata dal CLEMI (Centre pour L’Education aux Media et à l’Information, un organismo collegato al ministero dell’istruzione francese), mettendo a disposizione degli insegnanti e delle classi copie dei propri magazine. Inoltre, le testate di divulgazione scientifica sono tra i partner della Fête de la science, organizzata ogni anno dal ministero dell’ istruzione superiore, della ricerca e dell’innovazione. In qualità di media partner, il magazine Science & Vie racconta gli eventi della manifestazione e partecipa ad alcuni di essi mediante propri giornalisti.