Interni

INTERNI AL CERSAIE 2019 DI BOLOGNA

Il magazine di interiors e contemporary design partecipa alla quarta edizione dei Cafè della stampa con una lezione dell’architetto Cino Zucchi dal titolo “Identità Ceramica. Superfici e progetto architettonico”

STD_Cersaie_2019

Milano, 20 settembre 2019INTERNI partecipa alla quarta edizione dei Café della stampa organizzati nell’ambito del Cersaie 2019 di Bologna (23-27 settembre), il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno. Per questa occasione, il magazine di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori, ha organizzato un incontro per parlare del rapporto sinergico tra superficie di rivestimento di un edificio di nuova realizzazione e il contesto ambientale in cui si insedia.

Identità Ceramica. Superfici e progetto architettonico è infatti il titolo della lezione che avrà come protagonisti l’architetto milanese Cino Zucchi, founder dello studio CZA Cino Zucchi Architetti. Secondo Zucchi, che ha già utilizzato la ceramica e il laterizio in molti progetti per le loro qualità estetiche ed ecosostenibili, l’architettura contemporanea agisce spesso in un contesto storicamente stratificato, dove si trovano edifici costruiti per contesti che erano molto diversi da quelli attuali. Compito dell’architettura contemporanea è farsi interprete delle necessità dell’oggi nel rispetto della molteplicità di stili con cui va a dialogare.

Identità Ceramica. Superfici e progetto architettonico si terrà mercoledì 25 settembre dalle ore 12 presso i Café della stampa (Centro Servizi, Agorà dei Media). Ad aprire l’appuntamento Gilda Bojardi, direttore di INTERNI.

Per tutte le informazioni www.internimagazine.it

 

 

 

INTERNI protagonista al “London Design Festival 2019” con due appuntamenti dedicati al rapporto tra architettura, design, arte e ambiente

Gli incontri aperti al pubblico si terranno martedì 17 settembre alle ore 18.30 presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra, e venerdì 20 settembre alle ore 18 alla Saatchi Gallery

INTERNI parteciperà al London Design Festival 2019 con due incontri che avranno come protagonisti alcuni degli autori più rappresentativi della cultura progettuale. Fil rouge che unisce il lavoro dei relatori sarà l’approccio concettuale al progetto e la costante ricerca verso nuovi modi di modulare gli spazi del quotidiano. Architetti e designer che fondono arte, design, architettura e urbanistica per costruire nuovi scenari idonei ai luoghi urbani contemporanei.

Urban Regeneration: new city, new habitat, new technology, è infatti il titolo del primo talk organizzato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Londra, durante il quale ci si interrogherà sul destino delle metropoli contemporanee. A parlarne, moderati da David Turnbull, direttore di Atopia Research, Alessandro Melis (studio Heliopolis 21 Architetti Associati e curatore del Padiglione Italiano alla Biennale di Architettura di Venezia del 2020) e Andrew Waugh (Waugh Thistleton Architects), due protagonisti internazionali del mondo dell’architettura, attivi sul tema della qualità ambientale, che racconteranno il nuovo design della città, mettendo a confronto le conoscenze e le pratiche del saper fare italiano e la cultura progettuale anglosassone. La conferenza, aperta al pubblico, si svolgerà martedì 17 settembre alle ore 18.30, presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra (39 Belgrave Square, Londra SW1X 8NX) trasformato per l’occasione in un palcoscenico unico.

L’appuntamento successivo sarà venerdì 20 settembre alle ore 18 alla Saatchi Gallery (Duke of York’s HQ King’s Rd London SW3 4RY – Conference Room) con un incontro realizzato in collaborazione con I-Made, manifestazione di cui INTERNI è media partner, che sotto la direzione artistica di Giulio Cappellini celebra l’eccellenza del Made in Italy e l’esclusiva competenza dell’artigianato e della manifattura italiana.

The Renewed Quality of Made in Italy Design è il tema che verrà trattato da Aldo Cibic, autore che coniunga l’iconicità del design italiano dal product design all’urbanistica, dallo studio italiano Lazzarini Pickering Architetti, progettisti dall’attitudine tailor-made su interventi a scale diverse, e da Richard Woods, artista britannico il cui lavoro spazia tra pittura, scultura e installazione. Modera Deyan Sudjic, direttore del The Design Museum di Londra.

Gli eventi sono organizzati con la collaborazione di: Inhabits hotels, Cappellini e Cantina Zuani.

Per tutte le informazioni: www.internimagazine.it

 

INTERNI_Londra_2Appuntamenti
 

INTERNI presenta lo speciale “OnBOARD”, una monografia dedicata alla nautica

INTERNI registra a settembre una crescita a livello pubblicitario e si conferma leader assoluto del settore professional

INTERNI ONBOARD

In occasione dei grandi saloni nautici internazionali di settembre 2019, INTERNI, il magazine di interior e contemporary design del Gruppo Mondadori, presenta lo speciale OnBOARD, una monografia interamente dedicata alla nautica e agli yacht.

“Grazie alla ricerca, all’innovazione tecnologica e all’evoluzione del gusto dell’armatore, elementi degli spazi abitativi residenziali stanno migrando nel mondo dello yachting”, dichiara Gilda Bojardi, direttore di INTERNI. “In questo modo gli yacht sono sempre più assimilabili a ville galleggianti, arredate con stili e prodotti presi dall’home design. Senza contare che alcune delle più note firme internazionali dell’architettura e del design residenziale sono migrate a bordo e le collaborazioni tra i cantieri e i brand del design italiano sono diventate sempre più frequenti”.

Lo speciale INTERNI OnBOARD racconta la grande storia dei cantieri italiani e quella dei progettisti che firmano i loro yacht di eccellenza; i loro progetti più nuovi e i risultati raggiunti in termini di forme stilistiche, comfort abitativo, soluzioni materiche e tecnologiche nonché, naturalmente, di performance. Un focus particolare è dedicato al design on board: la presenza sugli yacht di materiali superleggeri e innovativi, arredi indoor e outdoor di produzione domestica, soluzioni domotiche, di cucine da chef, palestre sempre più attrezzate e spazi adibiti a ufficio dimostrano il legame sempre più stretto tra il progetto nautico e quello residenziale.

INTERNI registra a settembre un incremento del fatturato pubblicitario a due cifre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e si conferma leader assoluto nel segmento living professionale.

INTERNI OnBoard è in edicola insieme al numero di settembre del magazine e verrà distribuito a Parigi durante Maison&Objet (6-10 settembre), al Cannes Yachting Festival (10-15 settembre), al Salone Nautico di Genova (19-24 settembre), al Monaco Yacht Show (25-28 settembre) e in showroom selezionati di aziende italiane del design a New YorkLondra e Miami.

 

INTERNI presenta “Human Spaces”

Dall’8 al 19 aprile all’Università degli Studi di Milano, all’Orto Botanico di Brera e all’Arco della Pace

Oltre ai protagonisti dall’Italia, il magazine ha coinvolto progettisti di provenienza internazionale, in collaborazione con importanti aziende, start-up e istituzioni In occasione del FuoriSalone debutta il nuovo internimagazine.it

INTERNI Guida FuoriSalone 2019_daybyday

HUMAN SPACES” è il titolo dell’attesissima mostra-evento ideata dal mensile INTERNI, patrocinata dal Comune di Milano, che avrà luogo in occasione del FuoriSalone, dall’8 al 19 aprile, nei Cortili dell’Università degli Studi di Milano, all’Orto Botanico di Brera e per la prima volta nella monumentale Piazza Sempione con l’Arco della Pace e i Caselli Daziari.

Il tema della mostra di INTERNI per il 2019 ha preso spunto da un’affermazione che il Maestro Oscar Niemeyer amava ripetere nelle sue conversazioni: “La vita è più importante dell’architettura”. Il magazine del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi ha infatti chiamato grandi protagonisti italiani del progetto, designer e architetti internazionali a tradurre in installazioni sperimentali il concetto di ‘spazio umano’, a partire dagli arredi che ci circondano fino ad arrivare alla mobilità urbana, dall’ambiente naturale, marino e terrestre, fino ai macro-sistemi produttivi, come quello virtuoso dell’economia circolare. In collaborazione con aziende, multinazionali, start-up e istituzioni sono state realizzate per la mostra più di trenta installazioni, design islands, micro-architetture e macro-oggetti, tutti site-specific, che prefigurano un futuro in cui la natura e il Pianeta sono salvaguardati, le risorse risparmiate, l’intelligenza artificiale applicata per il bene comune e il benessere personale.

Lissoni Associati con SanLorenzo ha tradotto questi spunti nella sagoma di uno yacht rimasto placidamente adagiato all’interno del Cortile del ‘700 della Statale di Milano, una creatura di cui si riconosce solamente l’ossatura che ne racconta l’originaria purezza (From shipyard to courtyard). Maria Cristina Finucci con One Ocean Foundation e in collaborazione con Officine Maccaferri e Ariston Thermo Group porta sul prato del Cortile d’Onore la lapidaria scritta HELP: con circa due tonnellate di tappi di plastica contenuti in sacchi di reti rosse per alimenti all’interno di gabbioni PoliMac, l’artista Maria Cristina Finucci disegna quattro gigantesche lettere che compongono la parola “HELP”, come fosse un grido dell’umanità al fine di frenare il disastro ambientale dell’inquinamento dei mari (Help the Planet, Help the Humans). Lo studio di architettura Piuarch, su concept progettuale di Nemo Monti, con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento e della Magnifica Comunità di Fiemme e in collaborazione con CityLife, ha ideato un’installazione che si pone come elemento di memoria attiva della Foresta di Panaveggio, celebre per gli abeti rossi ‘di risonanza’ utilizzati per costruire gli strumenti musicali. La Foresta è stata quasi interamente abbattuta dall’ondata di maltempo che lo scorso 30 ottobre ha sconvolto l’arco alpino radendo al suolo oltre 12 milioni di alberi. Dal loggiato del Cortile d’Onore si sporgono due grandi fusti di abeti rossi lunghi 12 metri: le radici sospese nel vuoto sono sorrette da un cavalletto architettonico alto più di 8 metri, realizzato con il legno della Foresta abbattuta, simbolo del lavoro dell’uomo che ripara (La foresta dei violini).

Tra le presenze internazionali più significative, Ingo Maurer e Axel Schmid che per Urban Up – Unipol Projects Cities (Gruppo Unipol) illuminano la Torre Velasca con la light installation Nel blu, dipinto di blu; l’Estudio Campana con Apex Brasil presenta Sleeping Piles, un’installazione che prende ispirazione dal colonnato del Cortile della Farmacia dell’Università in cui è allestita: nel prato centrale sette torri alte 5 metri rivestite d’erba invitano i visitatori a rilassarsi e riposare lasciandosi alle spalle il caos della città e della vita contemporanea; Waugh Thistleton Architects con Arup e AHEC – American Hardwood Export Council hanno ideato MultyPly, un’arioso edificio modulare composto da sedici cubi di tulipier americano, un legno sostenibile perché molto diffuso e dalle alte prestazioni strutturali, che indica la strada verso l’architettura del futuro, rispettosa dell’ambiente; braIN TAIWAN, è invece una immaginifica galleria di creazioni che The Meet Lab, collettivo artistico italo-taiwanese, presenta, su incarico del Governo della città di Tainan e del Dipartimento per lo Sviluppo Industriale del Ministero degli Affari Economici di Taiwan per raccontare al mondo, per la prima volta nella sua interezza, la capacità di progetto e innovazione della manifattura tessile taiwanese.

Tra gli altri, saranno in mostra i progetti di Massimo Iosa Ghini con Knauf Italia, Corradi, Manni Green Tech e Intro (Human Proportions), Parisotto+Formenton Architetti con Cimento (Passaggio in blu), Migliore+Servetto Architects con CNAPPC – Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Open Nests/Abitare il paese), Marcio Kogan-Studio mk27 e Filippo Bricolo con Furrer (Parla!), Fabio Novembre con PerDormire (Once upon a time…), Dario Curatolo con Nerosicilia e Mosaicomicro (La porta dei sognatori), Raffaello Galiotto con Nardi (Regeneration), Luigi Spedini con Piscine Laghetto (Miraggi).

Tre sono i co-producer di “INTERNI HUMAN SPACES”: Audi, marca premium del Gruppo Volkswagen, Eni, compagnia integrata dell’energia che impiega circa 33.000 persone in 71 Paesi del mondo, e Whirpool, il principale produttore al mondo di elettrodomestici. Ciascuno dei main sponsor presenta un’installazione di grande impatto, firmata da architetti di profilo internazionale: Asymptote Architecture – Hani Rashid e Lise Anne Couture con Audi presso l’Audi City Lab all’Arco della Pace e ai Caselli Daziari (Piazza Sempione), Eni con Carlo Ratti Associati presso l’Orto Botanico di Brera e Whirpool con Ico Migliore e M+S lab nel Cortile d’Onore dell’Università.

Il design concettuale di una e-station (e_Domesticity) progettata per Audi da Asymptote Architecture – Hani Rashid e Lise Anne Couture, esprime nuove soluzioni per l’architettura della mobilità: una zona interattiva per ricaricare le auto elettriche e, nel contempo, per rigenerarsi. Un invito a esplorare nuove tecnologie in dialogo con gli spazi della città, una e_station del futuro che prefigura le nuove architetture per la mobilità e che si traduce in un ambiente interattivo, in cui ricaricare le auto elettriche e rigenerare se stessi, attraverso le relazioni e la conoscenza.

La riduzione dell’utilizzo delle materie prime e il riuso degli scarti sono alla base dell’economia circolare, un modello di sviluppo sempre più importante per un futuro sostenibile. L’iconica installazione The Circular Garden di Carlo Ratti Associati la interpreta in piena sintonia con i progetti di Eni, nell’incanto dell’Orto Botanico di Brera. Una serie di grandi archi in micelio, materiale totalmente organico, delimitano quattro suggestive ‘stanze’ nel verde dell’Orto, in cui esplorare i progetti di Eni per l’economia circolare, dalla tutela del territorio al riciclo delle materie, dal biocarburante all’efficienza energetica delle abitazioni.

Infine, The Perfect Time, ideato da Ico Migliore con M+S lab per Whirlpool, è un progetto che reinventa la relazione tra intelligenza artificiale e fattore umano, trasformando tempo e spazio in esperienza creativa.

Il sistema INTERNI e il nuovo sito

Ad aprile il sistema integrato di comunicazione di INTERNI si moltiplica e ribadisce il suo ruolo di principale fonte di informazione per il mondo del progetto. Grazie infatti a 3 pubblicazioni cartacee (INTERNI, la free press INTERNI King Size e la Guida FuoriSalone), un grande evento (“INTERNI HUMAN SPACES”) e INTERNI online (sito web, app e social), fornisce gli strumenti che consentono di essere aggiornati in tempo reale sulle tendenze, le novità e le anticipazioni sul design, diventando un vero e proprio vademecum per tutti coloro che vogliono conoscere e orientarsi all’interno di un evento unico al mondo come il FuoriSalone.

In questa occasione speciale debutta anche il nuovo internimagazine.it. Design innovativo con immagini impattanti, un sistema integrato con contenuti magazine, digital, eventi e social oltre a nuovi format editoriali arricchiti di video, gallery, quote dei protagonisti del design e social post sono solo alcune delle caratteristiche che rendono il nuovo sito di INTERNI un osservatorio ancora più attento e aggiornato del mondo del progetto. Non mancherà l’inestimabile patrimonio di contenuti originali e di altissimo impatto grafico e fotografico sviluppati negli anni dal magazine che utilizzano un linguaggio visivo personale e riconoscibile. Da questa settimana grande spazio sarà dato alla Design Week con una sezione dedicata, animata e arricchita in tempo reale con tutte le news sull’evento milanese, oltre che sulla mostra “HUMAN SPACES”. Il sito, completamente responsive e quindi fruibile anche in mobilità, è visibile su tutti i principali device. Il taglio editoriale inoltre è pensato per facilitare iniziative speciali crossmediali, capaci di coinvolgere attivamente utenti, lettori e clienti nell’interazione con la possibilità per i marchi del design di diventare parte centrale del racconto  grazie ai nuovi formati di branded content (long form) e di native advertising.

INTERNI_king

 

I numeri del sistema INTERNI

Con questo appuntamento che regala a Milano una visibilità unica ed eccezionale INTERNI conferma la sua leadership assoluta nel segmento living professionale ma anche nella comunicazione del design system, trasformandosi da pubblicazione settoriale a mass media. La forza del brand viene dai dati che l’intero ecosistema INTERNI può vantare in questa occasione: 55.000 copie di INTERNI, 120.000 copie di INTERNI King Size, 250.000 copie della Guida FuoriSalone, per una tiratura totale di 425.000 copie, 3.000.000 di lettori e oltre 800 pagine.

Una ulteriore prova è ben visibile anche sul territorio: per “HUMAN SPACES” è prevista infatti una importante campagna di street advertising che comprende striscioni in 15 locations nel centro di Milano, 1.000 bandiere per 450 eventi, 10 retro bus shuttle, oltre a totem, edicole vestite, floorgraphic, station domination (Rho e Cadorna), vetrine e ledwall (Megastore Mondadori di Piazza del Duomo e Rizzoli Store di Galleria Vittorio Emanuele).

Per orientarsi nel panorama sempre più ricco di appuntamenti della Design Week milanese, non potevano mancare la Guida FuoriSalone – disponibile anche come applicazione gratuita per iPad, iPhone e sistemi operativi Android (tablet e smartphone) – che propone una lettura ragionata di oltre 450 eventi e l’agenda day by day degli appuntamenti che coinvolgono le aziende, i designer e gli architetti che partecipano al FuoriSalone, e la Guida Zee Milano (solo in versione digitale) con una selezione dei nuovi itinerari e degli spazi fashion nella città: dal design allo shopping, dai department store ai ristoranti, fino agli hotel.

Per tutte le informazioni: www.internimagazine.it

 

Gruppo Mondadori leader nel digitale

Un anno di novità per Giallozafferano, Donna Moderna, MyPersonalTrainer, Icon, Interni e Icon Design

Digital Lunch

Il Gruppo Mondadori prosegue nella strada dell’innovazione digitale. Editore leader nelle passioni e negli interessi degli italiani, oggi vanta 26,5 milioni di utenti unici al mese (fonte: Audiweb, novembre 2018) e un posizionamento competitivo che lo vede sul podio anche nei social, con 26,3 milioni di fan totali attraverso 130 profili.

Ogni secondo 300 nuovi utenti visitano un sito del Gruppo Mondadori e 14 persone interagiscono sulle pagine social dei brand.

I NOSTRI PUNTI DI FORZA

  • Video factory: 10.000 video prodotti all’anno in 4 formati differenti, totalizzando oltre 200 milioni di visualizzazioni al mese.
  • People: un team interno di 180 talenti, tra content editor, videomaker, cuochi, product designer e data scientist.
  • L’innovazione è nel nostro dna: dai motori semantici proprietari ad Altervista, la prima piattaforma di blogging italiana. Mondadori è inoltre tra i primi editori italiani a testare e adottare delle interfacce conversazionali innovative come chatbot, intelligent speakers, connected device.

CONTINUIAMO AD EVOLVERE I NOSTRI PRODOTTI 

Lo sviluppo nei linguaggi e nei sistemi di ingaggio degli utenti, dall’uso del video alla valorizzazione dei nuovi talenti della rete come influencer e youtuber, al presidio di tutti i touchpoint: il nostro modello di business permette di rispondere alle nuove sfide e opportunità di crescita, mettendo al centro i reali bisogni degli utenti.

Oggi i nostri brand sono veri e propri sistemi multimediali articolati su carta, web, social, app, smart speaker, tv, eventi.

Nel 2019 l’evoluzione dei nostri prodotti interesserà alcuni dei brand iconici nei mercati verticali a maggior valore: food, femminili, beauty, salute e benessere, design, maschili.

FOOD

Giallozafferano:

  • Da aprile un nuovo look per il sito e un nuovo canale Giallozafferano Benessere, con oltre 4.000 ricette arricchite con informazioni sui valori nutrizionali e calorie.
  • Primo sito vocal con Google Assistant integrato.
  • Primo sui device vocal: Google Home, Echo Show di Amazon Alexa, Bixby di Samsung.

FEMMINILI E BEAUTY

Donna Moderna:

  • Donna Moderna Beauty: al via dopo l’estate un nuovo social magazine dedicato al mondo beauty pensato dalle millennial per le millennial, con la partecipazione speciale di Beauty Influencer.

SALUTE E BENESSERE

Mypersonaltrainer:

  • Rivisitazione completa del sito su tutti i suoi touchpoint da settembre.
  • Nuova serie di video con il coinvolgimento di Fitness Influencer.

MASCHILI

Icon:

  • Nuovo format per il sito da marzo: idee, ispirazioni e modelli con guide di stile e consumo che servono all’uomo di oggi.
  • Icon Wheels: nasce il nuovo canale dedicato alle auto di lusso ed esclusive.
  • Fashion, beauty, grooming, how to spend con video, tutorial e selezione dei migliori prodotti.

DESIGN

Icon Design e Interni:

  • Restyling dei siti in occasione del Salone 2019.
 

Interni: a Homi con uno spazio speciale pensato per il relax, la conversazione e l’incontro

600x600_Homi_Social

INTERNI, il magazine di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori, sarà presente per il quinto anno consecutivo a HOMI (25-28 gennaio 2019), il salone degli Stili di Vita di Fiera Milano dedicato al mondo dell’abitare e degli accessori per la persona, con un spazio speciale pensato per il relax, la conversazione e l’incontro.

Il nuovo INTERNI Café, aperto a tutti nel Padiglione 7, si distingue per il segno grafico del noto creativo pubblicitario Lorenzo Marini, autore delle copertine di INTERNI  gennaio e della guida DESIGN INDEX 2019 (in distribuzione per tutta la durata della manifestazione).

Lo spazio è arredato con sgabelli VESPER (design Christoph Jenni), tavoli TA (designer Jeremiah Ferrarese) e STATO (design Christoph Jenni) di COLOS, e sedie VICTORIA GHOST (design Philippe Starck) di KARTELL. Per tutti i visitatori, l’INTERNI Café proporrà il tema bio con offerta di macedonie, insalate e molto altro ancora, tutto preparato al momento e in linea con la filosofia dello spazio.

La partecipazione a HOMI è solo il primo di tanti eventi fieristici del panorama italiano a cui INTERNI prenderà parte per confermare il proprio presidio nel settore, non solo come punto di riferimento per la community del design, ma anche come importante promotore di eventi in Italia e all’estero. Dopo gli appuntamenti a Città del Messico, Shanghai e Miami, si è da poco concluso a Londra il ciclo di incontri dal titolo “Project and Destiny: una riflessione su design e architettura oggi in Italia”. Organizzato da INTERNI, insieme all’Istituto Italiano di Cultura di Londra e ITA London, queste conversazioni, che hanno riscosso grande successo di pubblico, hanno coinvolto alcuni degli autori più rappresentativi della cultura progettuale del nostro paese (Martino Gamper, Piero Lissoni, Alfonso Femia, Giovanna Castiglioni) che hanno cercato di mettere a fuoco il ruolo che la creatività italiana può svolgere a livello internazionale.

Per tutte le informazioni: www.internimagazine.it

 

Interni “Icon Architects”: il volume da collezione di Interni arriva in edicola

Il volume arriva in edicola dopo le anteprime internazionali a Miami e Shangai

Nel mese di dicembre, il sistema INTERNI registra un +3% di fatturato pubblicitario rispetto al 2017

INTERNI Icon Architects 2018-001

Icon Architects è il quarto numero della Serie Oro di INTERNI che idealmente prosegue il racconto del design italiano iniziato nel 2014 con il volume celebrativo per i primi 60 anni della rivista. Quest’anno il focus si sposta sugli architetti italiani e internazionali che, oltre ad avere realizzato prestigiosi edifici e interiors, hanno firmato alcuni dei prodotti più rappresentativi del design del nostro paese. La loro testimonianza ci riporta alle origini di questo fenomeno, nato per opera di progettisti che volevano disegnare gli spazi del quotidiano nella loro interezza: dall’architettura all’oggetto d’arredo.

E proprio a 100 architetti italiani e internazionali è stato chiesto come cambia, al cambiare della scala di intervento, il loro modo di progettare. Un tema di costante attualità, che scatta una fotografia di coloro che operano all’interno del sistema dell’Italian International Design e contribuiscono alla trasformazione del pensiero creativo in prodotti icona.

Dopo l’anteprima al Salone del Mobile.Milano Shanghai, Icon Architects verrà presentato anche a Miami. INTERNI, insieme all’Istituto Marangoni Miami e al Consolato Generale d’Italia, ha infatti organizzato il design talk ICON ARCHITECTS – 100 Storie e visioni internazionali, un dibattito sul ruolo del designer e dell’architetto nella società contemporanea, sull’attuale relazione tra le due discipline e sui nuovi punti di vista verso cui la cultura del design sembra essersi spostata.

Protagonisti della conversazione, dopo i saluti di Cristiano Musillo (Console Generale d’Italia), Hakan Baykam (Presidente e CEO Istituto Marangoni Miami) e Gilda Bojardi (direttore di INTERNI), sarannno Nasir Kassamali (CEO Luminaire), Giulio Cappellini(Art director e Designer), Piero Lissoni (architetto), Massimo Perotti (presidente ed amministratore delegato Cantieri Sanlorenzo), Mauro Porcini (Senior Vice President e Chief Design Officer di PepsiCo) e Allan Shulman (architetto).

L’incontro si terrà oggi, martedì 4 dicembre alle ore 10.30, presso la Scuola di Miami dell’Istituto Marangoni (Building 3700 NE 2nd Avenue, FL 33137), situata nel cuore del Design District, uno dei quartieri più dinamici della città, diventato, negli ultimi decenni, famoso in tutto il mondo come destinazione privilegiata per l’Arte, il Design e la Moda.

Il volume, per il quale è  prevista una extra tiratura di 10.000 copie (italiano, inglese), sarà inoltre distribuito nei principali showroom di design di Miami, New York, Londra e Milano.

Icon Architects ha visto l’adesione di oltre 200 dei migliori e più rappresentativi brand del mondo del design e del progetto internazionale, contribuendo all’ottimo risultato del sistema INTERNI che, nel solo mese di dicembre, registra un incremento di fatturato di oltre il 3% rispetto al 2017.

Con 208 pagine, Icon Architects sarà disponibile da questa settimana in tutte le edicole allegato al nuovo numero del giornale al prezzo di 10 euro (rivista inclusa).

Per tutte le informazioniwww.internimagazine.it

Interni2018_12_esterna
 

Interni al Salone del Mobile.Milano Shangai

Insieme a Interni China il design talk “Icon Architects - 100 international stories and visions” e la presentazione in anteprima del volume “Icon Architects”

INTERNI SHANGHAI

In occasione del Salone del Mobile.Milano Shanghai  (22 – 24 novembre 2018) il brand INTERNI presenta il design talk ICON ARCHITECTS – 100 Storie e visioni internazionali.

L’incontro, organizzato da INTERNI China e INTERNI,  propone il punto di vista di alcuni dei più importanti architetti italiani e internazionali che, oltre a progettare edifici prestigiosi in tutto il mondo, hanno applicato il loro approccio agli oggetti, creando alcuni dei prodotti più rappresentativi del design italiano.

A 100 architetti italiani e internazionali è dedicato Icon Architects, il quarto volume della Serie Oro di INTERNI, che verrà presentato in anteprima a Shanghai e che idealmente sviluppa il racconto del design italiano iniziato nel 2014 con il volume celebrativo per i primi 60 anni della rivista, proseguito nel 2016 con il numero da collezione 500 Italian Design Icons Still in Productione nel 2017 con Icon Makers.

I protagonisti della conversazione Icon Architects – 100 Storie e visioni internazionali, che si terrà venerdì 23 novembre alle ore 14.00 presso lo Shanghai Exhibition Center (Dome Hall – Piazza Italiana), saranno Yang Dongjiang (Editor-in-chief INTERNI China e professore Academy Art and Design Tsinghua University) Gilda Bojardi (direttore di INTERNI), Carola Bestetti (Living Divani Head of Marketing and Communication), Aldo Cibic (architetto, fondatore di Cibic Workshop), Aric Chen (Curator-at-large del M+ – Museum for visual culture Hong Kong) e Carlotta de Bevilacqua (Vice Presidente e CEO Artemide Group).

Gli ospiti internazionali, in rappresentanza del mondo imprenditoriale, dell’editoria e dell’istruzione, prenderanno parte a un dibattito sul ruolo del designer e dell’architetto nella società contemporanea, sull’attuale relazione tra le due discipline e sui nuovi punti di vista verso cui la cultura del design sembra essersi spostata.

Per tutte le informazioni www.internimagazine.it    

 

Interni presenta il numero monografico United Mexican Design con la guida Design Guide Mexico City/Milano

Una terza iniziativa editoriale dedicata a Città del Messico in occasione della Design Week Mexico

Oltre all’edizione in italiano/inglese, una in spagnolo/inglese, con una tiratura speciale di 10.000 copie distribuite nella capitale messicana

La Monografia e la Guida verranno presentate ufficialmente l’8 ottobre presso l’Ambasciata Italiana e l’11 ottobre presso l’Archivo Diseño y Arquitectura

Interni2018_10_ITA

INTERNI, il magazine di interior e contemporary design del Gruppo Mondadori, da rivista cartacea si è trasformato in un sistema integrato di comunicazione internazionale che questo mese presenta per il terzo anno consecutivo una iniziativa editoriale su Città del Messico, World Design Capital 2018. Si tratta del numero monografico United Mexican Design e della Guida Design Guide Mexico City/Milano, che hanno l’obiettivo di esplorare il Paese nei settori architettura, design e arte e la penetrazione dell’international italian design nel mercato messicano.

“Con questo numero, INTERNI completa la triade delle monografie dedicate al Messico e nello specifico a Città del Messico designata World Design Capital 2018 da WDO (World Design Organization) e Ciudad Creativa de Diseño da Unesco”, dichiara il direttore Gilda Bojardi. “Abbiamo riunito un parterre internazionale d’eccellenza per comprendere meglio le complesse dinamiche di questa grande metropoli che ha deciso di scommettere sul design come motore del cambiamento urbano e sociale, e abbiamo maturato una radicale convinzione: il tema di CDMX WDC 2018 è quello del design socialmente responsabile, in termini di prodotto ma anche di processi e di servizi. E, in un’ottica di promozione dell’interscambio culturale e commerciale, il saper fare italiano può davvero trainare un confronto e una crescita efficace della nostra industria manifatturiera in Messico”, conclude il direttore.

Per la monografia e la guida distribuite a Città del Messico, nel circuito di librerie, musei, scuole, gallerie, showroom e hotel, è prevista una tiratura speciale di 10.000 copie, che si aggiungono alle 50.000 copie in italiano/inglese per la distribuzione internazionale. United Mexican Design e la Guida Design Guide Mexico City/Milano verranno inoltre presentate ufficialmente l’8 ottobre all’Ambasciata italiana di Città del Messico alla presenza del direttore di INTERNI, Gilda Bojardi, e delle istituzioni – José Ramón Amieva Gálvez, Capo del Governo, Luigi Maccotta, Ambasciatore d’Italia, Emilio Cabrero, Direttore della Design Week Mexico – e, successivamente, l’11 ottobre, all’Archivo Diseño y Arquitectura dove si terrà una tavola rotonda moderata dal direttore dell’archivio Mario Ballesteros, con la partecipazione tra gli altri di Luisa Bocchietto (Presidente di World Design Organization), Emilio Cabrero (Direttore DWM e programma CDMX WDC 2018), Giuseppe Manenti (Direttore dell’ufficio ICE-ITA di Città del Messico), Gabriella Gómez-Mont (Direttrice del Laboratorio para la Ciudad), del designer Héctor Esrawe e dell’architetto italiano Mario Cucinella, per riflettere sul tema delle pratiche virtuose in architettura e design. Un evento aperto ai designer provenienti da tutto il mondo, ad aziende, fondazioni e istituzioni pubbliche.

INTERNI United Mexican Design e la Guida “Design Guide Mexico City/Milano”

La monografia INTERNI United Mexican Design in 264 pagine presenterà le più recenti realizzazioni dei protagonisti dell’architettura messicana e gli ultimi lavori di designer, graphic-designer e artisti. I principali itinerari del progetto: dai luoghi dell’ospitalità agli spazi pubblici (musei, centri culturali, parchi, scuole, negozi, atelier, realizzazioni sociali ed eco-sostenibili) che vedono Mexico City World Design Capital 2018.  Nel segno dell‘attualità, dedicherà una sezione ai prodotti, alle idee, alle tendenze e all’incontro con voci-testimonianze di racconti d’eccellenza. Con un focus sui Building del design: dai multibrand ai flagship store monomarca, per incontrare gli imprenditori italiani attivi in Messico, grandi distributori messicani del design italiano; un’approfondita indagine delle logiche del mercato, dei pezzi più apprezzati, delle strategie e delle ragioni di un successo.

Anche quest’anno, all’interno della monografia nell’edizione bilingue spagnolo/inglese ci sarà la Design Guide Mexico City Milano (che si affianca alla insostituibile guida FuoriSalone di Milano nell’ambito del sistema INTERNI). La guida è parte integrante di questo numero della rivista: 40 pagine con una selezione di oltre 350 luoghi imperdibili di Mexico City – gallerie di arte e design, musei, hotel, ristoranti, scuole. Largo spazio nella sezione Flagshipstore viene dato a monomarca e multistore dove è possibile trovare la miglior produzione delle aziende del design italiano. Una grande opportunità per architetti, imprenditori e designer internazionali di incontrarsi e di comunicare i loro prodotti.

Guida Mexico 2018
 

Interni al Cersaie 2018 di Bologna

Il magazine di interiors e contemporary design partecipa alla terza edizione dei Cafè della stampa con l’appuntamento “La ceramica nel progetto sostenibile”, una conversazione con gli architetti Mario Cucinella e Massimo Imparato insieme agli studenti della SOS School of Sustainability

Interni_cersaie_26 settembre

INTERNI partecipa alla terza edizione dei Café della stampa organizzati nell’ambito del Cersaie 2018 di Bologna (24-28 settembre), il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno. Per questa occasione, il magazine di interiors e contemporary design diretto da Gilda Bojardi, ha organizzato un incontro per parlare di un tema di grande attualità: la sostenibilità.

La ceramica nel progetto sostenibile è infatti il titolo della conversazione che avrà come protagonisti Mario Cucinella, architetto e founder di Mario Cucinella Architects, l’architetto Massimo Imparato e gli studenti della SOS School of Sustainability. L’architetto Cucinella ci  inviterà a riflettere sull’importanza di adottare metodologie progettuali capaci di promuovere un rapporto equilibrato tra cultura, natura e tecnologia, facendo di quest’ultima uno strumento discreto a servizio degli spazi dell’uomo. A discuterne con lui Massimo Imparato, direttore di SOS – School of Sustainability, che forma nuove figure professionali nel campo della sostenibilità, con alcuni giovani progettisti che si sono formati nella scuola affrontando progetti a diverse scale, e che hanno contribuito al progetto dell’allestimento Pollution 2018 presentato in occasione di Cersaie in Piazza Santo Stefano a Bologna, con al centro proprio questi temi.

La ceramica nel progetto sostenibile si terrà mercoledì 26 settembre dalle ore 12 presso i Café della stampa (Centro Servizi, Agorà dei Media).

Per tutte le informazioni www.internimagazine.it