Siamo consapevoli di dover osservare costantemente le realtà cui ci rivolgiamo – dal pubblico dei lettori a quello degli utenti in rete, dalle comunità prossime alle nostre sedi operative a quelle raggiunte dai nostri punti vendita – per conoscerne, oltre a gusti e bisogni connessi ai nostri prodotti e servizi, anche aspettative e richieste non specificamente legate a ciò che produciamo, ma piuttosto a come lo produciamo.

Contribuire allo sviluppo sostenibile del territorio è uno dei nostri principali impegni di responsabilità sociale. In linea con quest’obiettivo, offriamo sostegno alle comunità in cui operiamo attraverso sponsorizzazioni e iniziative a carattere sociale mirate, che possono essere inquadrate in tre grandi aree di intervento:

Nella selezione dei progetti di utilità sociale, ci atteniamo a una specifica procedura prevista dal Codice etico che regola le modalità di selezione delle iniziative da promuovere e sostenere, coinvolge collegialmente o disgiuntamente i membri del Comitato di sostenibilità e si avvale della collaborazione della Fondazione Sodalitas e di organizzazioni non profit, come Mediafriends e Istituto Italiano della Donazione.

Il Gruppo promuove e sostiene, anche mediante sponsorizzazioni, iniziative sociali e culturali coerenti con la propria missione e visione aziendale e i propri indirizzi strategici

dal Codice etico

Complessivamente nel 2019 abbiamo destinato in liberalità circa 786.000 euro, e quasi 42.000 euro in sponsorizzazioni destinate ad attività culturali.

Contributi alla comunità 2019

Obiettivi

  •   Obiettivo raggiunto
  •   Progetto in corso
  •   Progetto in stand-by
ObiettivoStato dell’arte/risultatiStato
Insieme per l’istruzioneIl progetto è nato per promuovere iniziative che contribuiscano a un’educazione inclusiva e di qualità. Le case editrici del Gruppo ne fanno parte e nel primo anno di attività (2019), in collaborazione con Action Aid, ha sovvenzionato la costruzione di due complessi scolastici in Etiopia (da completare entro il 2020); la seconda edizione del progetto è in fase di sviluppo e riguarderà il sostegno alle situazioni di povertà educativa in Italia. 
Smart workingLa fase di sperimentazione ha coinvolto più di 30 dipendenti che fino a dicembre 2019 hanno potuto lavorare da 2 a 4 giorni al mese in luoghi diversi da quelli di lavoro. Durante la fase di lockdown, il lavoro agile è stato esteso a tutta la popolazione aziendale 
Monitoraggio permanente della sicurezza sul luogo di lavoroL’Unità di Coordinamento Sicurezza di Gruppo è l’organismo istituito dalla Capogruppo per la supervisione e il coordinamento delle attività finalizzate all’attuazione degli obblighi di legge, alla fornitura di linee guida e al monitoraggio della pianificazione e dell’adempimento degli obblighi annuali:

  • incontri periodici: sono state programmate 6 riunioni periodiche di sicurezza per 31 punti vendita e 14 siti del Gruppo, con il coinvolgimento dei datori di lavoro (o loro delegati) delle rispettive società, dei responsabili della salute e sicurezza e dei responsabili della salute e sicurezza, di 17 rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e di 7 medici competenti;
  • ispezioni sul posto di lavoro: nel 2019 i medici competenti hanno effettuato ispezioni sul posto di lavoro in 18 siti del Gruppo;
  • esercitazioni di evacuazione: oltre alla verifica dei piani di emergenza nei punti vendita, i responsabili della sicurezza dei siti del Gruppo Mondadori hanno coordinato le esercitazioni annuali di evacuazione che hanno coinvolto tutto il personale.

Nell’attuazione delle attività previste, nel 2019 è stata posta particolare attenzione alla modifica dell’assetto delle persone giuridiche e dei luoghi utilizzati dal personale: in tutti i luoghi di lavoro sono state completate le attività previste dalla legge, sono stati aggiornati i documenti di valutazione dei rischi dei luoghi e l’elenco delle corrispondenti figure, designate o elette, coinvolte nella gestione del sistema di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, accessibili in ogni momento nell’area “Prevenzione e sicurezza” della rete intranet aziendale.

Il servizio di medicina del lavoro è stato garantito dall’Ospedale San Raffaele Resnati: i medici competenti nominati dai rispettivi datori di lavoro hanno visitato 538 lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria per i rischi derivanti dall’utilizzo di VDT superiori alle 20 ore settimanali; le attività del servizio sono pianificate con l’ausilio del sistema informatico per la salute e la sicurezza sul lavoro adottato dal Gruppo Mondadori.

La piattaforma consente l’identificazione dei lavoratori da sottoporre a visita sanitaria, la pianificazione di visite mediche periodiche e la gestione delle cartelle cliniche su base informatizzata e criptata. Il sistema è utilizzato anche per l’archiviazione digitale di referti e documenti medici, per adempiere agli obblighi di legge e di regolamento vigenti e per la gestione degli aspetti formativi.

A seguito dell’iniziativa lanciata lo scorso anno, pur non essendo prevista dalla normativa, sono stati installati all’interno dei Poli 1 e 2 di Segrate anche i defibrillatori automatici esterni (AED): 13 primi soccorritori si sono uniti ai 14 volontari precedentemente formati nel 2018, frequentando il corso BLSD (Basic Life Support and Defibrillation).

 
Stesura di una policy per la valutazione e selezione delle diverse offerte di partnership socialeIl monitoraggio delle iniziative a sostegno delle comunità e l’audit realizzato per consentire un corretto svolgimento delle attività necessita di un quadro normativo interno e/o di appositi tool per evitare dispersione di risorse 
Attività di coinvolgimento degli stakeholder lungo tutto l’arco dell’annoOltre alle attività di confronto con i portatori d’interesse già pianificate e ricorrenti sorge l’esigenza di coinvolgere singoli stakeholder o gruppi in occasioni o progetti dedicati