La riduzione dei consumi energetici e la lotta al cambiamento climatico

Il percorso di rendicontazione delle emissioni intrapreso dal Gruppo in questi anni ha permesso di consolidare le metodologie di calcolo ed è servito come base di partenza per l’accrescimento della consapevolezza interna su possibili politiche organiche di riduzione dei gas a effetto serra generati dalle proprie attività. In questo senso, il Gruppo si è già attivato con alcune iniziative in grado di ridurre le proprie emissioni, sia nel corso del 2018 sia in passato, quali per esempio l’implementazione di misure di efficienza energetica degli immobili, la riduzione dei consumi di carta per stampa e il rinnovo della flotta aziendale con modelli a più basse emissioni.

A livello di Gruppo (perimetro in continuità – Italia e Stati Uniti) nel 2018 le emissioni totali di gas a effetto serra ammontano a circa 35.591 tonnellate di CO2 (-15% rispetto al 2017). I consumi totali di energia elettrica nel 2018 sono pari a 13.722 MWh (49.397 GJ, -15% rispetto al 2017), mentre i consumi di gas naturale sono pari a 402.420 m3 (14.139 GJ, -22% rispetto al 2017). Il Gruppo non si approvvigiona di energia prodotta da fonti rinnovabili.

 

Italia

Emissioni di gas a effetto serra (ton)201820172016
Dirette (scopo 1) – CO2eq8011.0131.064
Indirette energetiche (scopo 2)
  • location-based – CO2
 4.8405.8706.527
  • market-based – CO2eq
 6.453 7.374 8.198
Altre emissioni indirette (scopo 3) 28.53433.69135.392
  • Emissioni legate alla produzione della carta – CO2
 26.96732.33133.990
  • Emissioni legate ai viaggi di lavoro – CO2eq
 1.587 1.3601.402
Totale emissioni42.983

Le emissioni scopo 2 location-based sono espresse in tonnellate di CO2, tuttavia la percentuale di metano e protossido di azoto ha un effetto trascurabile sulle emissioni totali di gas a effetto serra (CO2 equivalenti) come desumibile dalla letteratura tecnica di riferimento.
Le emissioni scopo 3 legate alla produzione della carta sono espresse in tonnellate di CO2, in quanto la fonte utilizzata non riporta i fattori di emissione degli altri gas diversi dalla CO2.
Il totale emissioni è espresso in CO2 in quanto la quota parte attribuibile agli altri gas (CH4 e N2O) non è significativa.

Relativamente alle attività che Mondadori svolge in Francia, le emissioni di gas a effetto serra considerate all’interno del perimetro di rendicontazione dell’inventario GHG sono le seguenti:

  • dirette (scopo 1): emissioni da perdite di gas refrigeranti dei condizionatori, che per il 2017 ammontano a circa 82 kg equivalenti a 112 tonnellate di CO2eq;
  • indirette energetiche (scopo 2): elettricità acquistata dalla rete elettrica nazionale (per il riscaldamento e l’illuminazione degli edifici);
  • altre emissioni indirette (scopo 3): mobilità dei dipendenti per motivi lavorativi con aereo, auto di proprietà e auto in leasing; produzione della carta.

Sebbene in minor misura rispetto all’Italia, anche Mondadori France ha visto diminuire i propri consumi di elettricità nel 2017: 2.794 MWh consumati a fronte dei 2.917 MWh registrati nell’anno precedente (-4%). La riduzione è da imputare prevalentemente alle misure intraprese a partire dal 2015 per ridurre i consumi di energia elettrica.

Infine, per quanto riguarda le altre emissioni indirette (scopo 3), il trend in diminuzione che si registra negli ultimi anni è da imputare prevalentemente alla riduzione dei consumi di carta per stampa, che passano da circa 48.350 tonnellate nel 2015 a circa 41.976 tonnellate nel 2017, cui corrisponde una conseguente riduzione delle emissioni di CO2 pari al 13% (si passa da 20.790 nel 2015 a 18.050 tonnellate di CO2 nel 2017). La riduzione delle emissioni di CO2 avvenuta nel triennio di riferimento per Mondadori France è del 12,5%.

Mondadori France

Emissioni di gas a effetto serra (ton)201820172016
Dirette (scopo 1) – CO2eq105112246
Indirette energetiche (scopo 2)
  • location-based – CO2
 139120125
  • market-based – CO2eq
 152 137 143
Altre emissioni indirette (scopo 3)
  • Emissioni legate alla produzione della carta – CO2
 14.80618.05019.711
Totale emissioni20.082

Le emissioni scopo 2 location-based sono espresse in tonnellate di CO2, tuttavia la percentuale di metano e protossido di azoto ha un effetto trascurabile sulle emissioni totali di gas a effetto serra (CO2 equivalenti) come desumibile dalla letteratura tecnica di riferimento.
Le emissioni scopo 3 legate alla produzione della carta sono espresse in tonnellate di CO2, in quanto la fonte utilizzata non riporta i fattori di emissione degli altri gas diversi dalla CO2.
Il totale emissioni è espresso in CO2 in quanto la quota parte attribuibile agli altri gas (CH4 e N2O) non è significativa.

Le iniziative per la riduzione degli impatti ambientali

Interventi di risparmio energetico realizzati nel 2018
Anche Il 2018 è stato un anno di attenzione al tema del risparmio energetico, in particolare per la sede di Segrate. Gli interventi più avanti descritti sono quelli programmati nel 2017 e realizzati in parte nel corso del 2018 con pieno beneficio nel 2019. Altri interventi sono attualmente oggetto di realizzazione o in fase di valutazione e progettazione.

Tutte le sedi (Italia)
Tra gli interventi di riduzione degli impatti ambientali per le sedi e librerie del Gruppo, negli ultimi anni si è cercato di sensibilizzare all’utilizzo responsabile di toner e carta per stampa negli uffici. In particolare, nell’ultimo triennio, il Gruppo è riuscito a ottenere una riduzione del consumo di carta da stampa di circa il 24%. Nel 2018 è stata effettuata la sostituzione di tutte le stampanti delle sedi italiane, compresi i punti vendita di proprietà, con nuove stampanti multifunzione – stampante, scanner e fotocopiatrice insieme – con elevate prestazioni. Le nuove macchine garantiscono, unitamente alla qualità di stampa e alla possibilità di stampare su qualsiasi macchina presente nelle sedi, una sensibile riduzione dei consumi energetici e dei materiali consumabili (carta e toner).

Sede di Segrate

  • In fase di ultimazione la realizzazione della parzializzazione dell’impianto induttori edificio principale lato sud, attraverso sezionamento distribuzione idraulica in due macro-aree per mezzo piano, gestite da set di temperatura e installazione inverter su pompe induttori calde e fredde. Obiettivo: risparmio energetico a fronte di miglior confort e grande flessibilità dell’impianto permettendo anche un utilizzo diversificato per piano. Il risparmio su base annua è valutato in circa 7.000 m3 di gas e 40.000 kW elettrici.
  • Predisposto il progetto e in fase di richiesta di offerta la parzializzazione dell’impianto induttori edificio principale lato nord, attraverso sezionamento distribuzione idraulica in due macro-aree per mezzo piano, gestite da set di temperatura e installazione inverter su pompe induttori calde e fredde. Obiettivo: risparmio energetico a fronte di miglior confort e grande flessibilità dell’impianto permettendo anche un utilizzo diversificato per piano.
  • Sia per palazzo Niemeyer sia per cascina Tregarezzo è stato ulteriormente perfezionato il sistema di monitoraggio energetico elettrico come previsto dal D.Lgs. 102/2014. Questo strumento consente di suddividere i consumi per tipologia di utilizzo (condizionamento, forza motrice, luci, ausiliari) ed è indispensabile per intraprendere nuove attività mirate al risparmio energetico.

Interventi pianificati o in fase di progetto per il 2019
Sede di Segrate

  • Realizzata la progettazione necessaria per passare alla fase di richiesta di offerta della automazione del sistema di gestione cassette canale caldo/freddo a portata costante del piano Foglia. L’intervento va a completare quello realizzato alcuni anni fa nel Sottofoglia. Obiettivo: risparmio energetico, maggior flessibilità dell’impianto e migliori condizioni di benessere e drastica riduzione degli interventi di regolazione (non più in manuale in loco tramite operatore).
  • In fase di richiesta di offerta la sostituzione delle pompe pozzo con nuove a inverter per ridurre consumi acqua ed energia elettrica nel periodo notturno e invernale e relazionati alla effettiva necessità garantendo comunque una portata minima costante al lago.
  • In fase di progettazione e valutazione intervento installazione cappe compensate di estrazione fumi di cottura della mensa. L’importante riduzione di necessità di apporto di aria esterna garantisce un diretto risparmio di energia termica e di raffreddamento della stessa oltre a portare a norma le attuali cappe.
  • Progressiva sostituzione dei corpi illuminanti esterni (lampioni parcheggi e percorsi pedonali) con nuovi apparecchi con tecnologia LED.